Smalti e decorazioni: le regole del buongusto da indossare per le tue unghie

A tutte è capitato di guardare le mani di una donna e pensare che proprio è fuori luogo per il colore dello smalto o come decorazioni, quindi è bene stare attente a non fare lo stesso errore. Gli smalti e le decorazioni hanno un età idonea e uno stile preciso.

Unghie lucidate, smaltate, curatissime, decorate: sono un particolare a cui sempre più donne stanno molto attente (per fortuna), un vezzo diffuso che a volte diventa una vera e propria mania! Le unghie e gli smalti rispecchiano il modo di essere e un po’ il carattere. Lo smalto unico per estate, inverno, primavera, autunno non c’è più per fortuna, oggi le unghie si trasformano con il passare delle stagioni, seguono i trend della moda e si intonano con l’abbigliamento.

Anche per le unghie ci sono delle regole di buongusto da seguire, come per altri elementi dell’outfit di una donna. Ci sono delle scelte in base all’età e in base alle circostanze. Il luogo di lavoro può infatti richiedere un certo decoro, che vale sia per gli abiti che per le scelte sulle mani. Alcune professioni, come medici, infermiere, cuoche, che non si adattano a unghie chilometriche fiammanti. Al di fuori del lavoro però, per le occasioni speciali, ci si può concedere anche qualcosa di maggiormente ricercato.

La classe si vede anche dallo smalto delle unghie

Se sei amante della vita semplice, ma non intendi rinunciare alla cura delle mani è possibile optare per un look nude, che darà alle unghie un aspetto curato, ma molto naturale. É un colore discreto e chic, per questo è un genere di cromia che va bene anche per ambienti lavorativi o occasioni in cui è richiesto decoro e sobrietà. I colori carne, semplici e neutri sono nuance piacevoli che danno l’effetto curato, pur dando un’aria semplice e pulita.

Durante la primavera e l’estate si possono utilizzare anche colori pastello, che si adattano a tutte le età, e che consentono, in talune occasioni, di osare nelle nuances particolari, come celeste, verde, rosa, giallo. Le tonalità chiare eviteranno di apparire troppo vistose o eccentriche. Per chi desidera dare un taglio più deciso invece c’è un’ampia gamma di smalti dai colori scuri, con sfumature dal grigio al nero. Questi tuttavia vanno indossati con attenzione e cautela: ci sono ambienti in cui non è proprio il caso! Anche se sei un evergreen! E soprattutto se le unghie sono lunghe.

Un colore che va bene tutto l’anno e su tutte le donne è il rosso fragola/ciliegia. Quando si spinge invece sul bordeaux e al marrone, meglio rimanga sulle unghie delle più mature, perché le giovanissime darebbero l’impressione di aver frugato nel beautycase della mamma. In tutti i casi il potere seduttivo di questa nuance è inimitabile e unica. I toni perlati chiari vanno benissimo a tutte, anche se c’è da dire che sono un po’passati di moda. Meglio quindi scegliere qualche novità come i satinati o quelli super lucidi.

Decorazioni sugli smalti

Come in tutte le cose, nel makeup, nelle acconciature, nell’abbigliamento, bisogna saper misurare, per non cadere nel ridicolo, specialmente quando non si è più teen. Per quanto concerne le decorazioni: sono un’infinità e c’è davvero l’imbarazzo della scelta. Le tecniche e gli stili sono diversi. I pupazzetti, i fiocchi, i fiorellini magari è bene rimangano esclusiva delle teen sino ai 25 anni, mentre glitter, sfumature, e geometrie meno cartoon vanno bene anche per le donne mature.

 

Scegliendo inoltre le combinazioni più sobrie e gli abbinamenti con il proprio stile, queste decorazioni sugli smalti possono essere portate anche dalle signore. Insomma le decorazioni vanno bene, ma bisogna ponderare. Possono dare carattere, magari in qualche occasione particolare, e permettere il libero sfogo della fantasia, ma bisogna sempre fare attenzione a non cadere nel cattivo gusto.

 

Smalti età per età

20 anni: a quest’età ci si può permettere un po’ di tutto. Via libera quindi a decorazioni, mix, french, baby boomer, laccati, satinati, sfumature. Attenzione però ad evitare colori pesanti da signora: i bordeaux, i marroni e simili.

30 anni: ecco che scatta il momento di darsi una piccola regolata. Va bene il gioco, ma magari con un pizzico meno di sbarazzino. Lo smalto a quest’età diventa un accessorio del look: fiocchi, pupazzi, fiorellini…. meglio di no.

40 anni: a quest’età una donna è donna a tutti gli effetti, domina su tutto, è una femme fatale e per questo motivo non può, non deve cadere sullo smalto.

A 50 anni e più: la donna è bellissima, può avere un aspetto curato, essere seducente anche, ma non dovrebbe più cadere nell’eccesso, quindi meglio adottare tonalità tenui o effetti come la french per non essere mai fuori luogo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *